Ebook reader - La Bibbia

Secondo libro dei Maccabei

Capitolo 14

    15Quando seppero della venuta di NicÓnore e dell'aggressione dei pagani, i Giudei cosparsi di polvere, elevarono suppliche a colui che ha stabilito il suo popolo per i secoli e che con segni palesi sempre protegge la sua porzione. 16Poi il comandante, dati gli ordini, mosse rapidamente di lÓ e si scontr˛ con loro presso il villaggio di Dessau. 17Simone, fratello di Giuda, aveva giÓ attaccato NicÓnore, ma era rimasto battuto per l'improvvisa comparsa dei nemici. 18Tuttavia NicÓnore, sentendo parlare del valore che avevano gli uomini di Giuda e del loro entusiasmo nelle lotte per la patria, non si arrischiava a decidere la sorte con spargimento di sangue. 19Per questo mand˛ Posidonio e Te˛doto e Mattatia a dare e ricevere la destra per la pace. 20Fu fatto un lungo esame intorno a queste cose e, quando il comandante ne diede comunicazione alle truppe, il parere risult˛ concorde e accettarono gli accordi. 21Fissarono il giorno nel quale sarebbero venuti a un incontro privato. Dall'una e dall'altra parte avanz˛ una lettiga e collocarono dei seggi. 22Giuda tuttavia dispose degli uomini armati nei luoghi opportuni per paura che si verificasse d'improvviso qualche tradimento da parte dei nemici: cosý in buon accordo tennero il convegno. 23NicÓnore si trattenne in Gerusalemme e non fece alcun gesto fuori luogo; anzi licenzi˛ le turbe raccogliticce che gli si erano unite. 24Voleva Giuda sempre alla sua presenza, sentiva un'intima inclinazione per quel prode. 25L'esort˛ a sposarsi e ad avere figli; e quegli si spos˛, potÚ mettersi a posto e godere giorni sereni.

(Secondo libro dei Maccabei 14, 15-25)
Powered by Ebook-reader